Campagna #ionontiabbandono

Da VersiliaToday versiliatoday Cosa fare per prevenire l’abbandono degli animali?

Ce ne parla Irene Battistini, de El Perro Loco, centro di addestramento cinofilo in quel di Pietrasanta.

Esistono in Italia numerose associazioni animaliste riconosciute e di provata competenza. Fate riferimento a loro. Iscrivetevi e contattatele tutte le volte che avete un dubbio.

Diffidare dei “mercatini del cucciolo”, “feste del cucciolo”, e via dicendo, se non sono partecipate da associazioni animaliste riconosciute. Spesso gli animali sono di provenienza illecita. Contattare le associazioni animaliste per saperne di più e verificare.  Non aderire a raccolte fondi che non abbiano alle spalle una associazione riconosciuta e di conseguenza una partita iva e un conto corrente intestato. Molte richieste di ricariche PayPal o PostePay sono false.  Adottare un animale deve essere una scelta consapevole, convinta e ponderata. Annunci lacrimevoli e commoventi che invitano ad adottare animali abbandonati colpiscono le persone meno consapevoli che adottano d’istinto gli animali in un momento di fase compassionevole ma saranno i primi ad abbandonarli quando l’animale diventerà un problema.  Non diffondere annunci di “cessione” di animali se non si è certi che si tratti di attività non commerciale. Molti annunci nascondono poi persone che chiedono ”un piccolo compenso per il mantenimento passato” dell’animale. Insomma, usano il buon cuore delle persone per mantenere il mercato nero del commercio abusivo di animali.  Microchippare gli animali in modo da collegarli ai detentori. L’affidamento di un animale va fatto solo verso persone conosciute e delle quali non si perde il contatto successivo. Solo in questo modo è possibile essere certi che non faranno scelte improvvisate o azzardate. Avvisare l’affidatario che “nel caso abbia problemi a mantenerlo siamo disposti a riprenderlo”. In questo modo si dovrebbero limitare i casi di abbandono. Non abbandonare un amico fedele!